L’incredibile storia della pizza

L'incredibile storia della pizza

 

L’incredibile storia della pizza: La pizza rappresenta uno dei simboli più importanti del nostro Paese in tutto il mondo. La sua è una favola nata migliaia di anni fa…

Le origini della pizza

La pizza ha origine fin dall’alba dei tempi. Nel Vicino Oriente, gli uomini, nata da poco l’agricoltura, capirono che cuocere sulla pietra cereali tostati e macinati fosse un buon modo per mangiare qualcosa di diverso e gustoso. Grazie poi alla scoperta del lievito, la storia della pizza diventa tutta in discesa: la lievitazione dona agli impasti, dopo la cottura, morbidezza, leggerezza e digeribilità. Così si inizia a diffondere il pane.

Il percorso della pizza continua a Roma, dove i contadini, dopo aver imparato a mixare i diversi tipi di farro, creano la farina. Sono proprio loro i primi ad impastare la farina così ottenuta con acqua, erbe aromatiche e sale. Mettono poi a cuocere sul calore della cenere una focaccia rotonda…Ebbene si, sono stati proprio i romani ad utilizzare dischi di pane per contenere pietanze sugose.

Pizze rotonde si, ma parenti molto lontani dalle pizze che si gustano oggi a Napoli: mancano, infatti, ancora tantissimi ingredienti, molti dei quali ancora sconosciuti.

Nel VII secolo dopo Cristo, inizia a circolare un nuovo vocabolo gotico-longobardo: “bizzo”, talvolta detto “pizzo”. In tedesco “bizzen”. Ovvero morso. Ci siamo quasi.

Verso l’anno Mille si trovano i primi documenti ufficiali col termine “pizza”.

La pizza arriva a Napoli

Nel 1535, nella “Descrizione dei luoghi antichi di Napoli”, il poeta Benedetto Di Falco afferma che la “focaccia, in Napoletano è detta pizza”…E’ ufficiale: la pizza è arrivata a Napoli! L’evoluzione della pizza non si ferma: si crea la tipica schiacciata di farina di frumento impastata e condita con aglio, strutto e sale grosso. In poco tempo, però, l’olio d’oliva prende il posto dello strutto, si aggiunge il formaggio e si ritrovano le erbe aromatiche. E così, agli inizi del XVII secolo, nasce la pizza “alla Mastunicola” (in dialetto, del maestro Nicola).

La storia moderna della pizza inizia intorno al 1600: pasta per pane cotta in forni a legna, condita con aglio, strutto e sale grosso.

Con la scoperta dell’America arriva il pomodoro e tutto prende un sapore diverso!

La pizza Margherita

Il capitolo più prezioso della storia della pizza si apre nel 1889, in occasione della visita a Napoli del re Umberto I e della regina Margherita. I regnanti furono accolti dal miglior pizzaiolo dell’epoca, Raffaele Esposito, che realizzò per loro tre diversi tipi di pizze. In particolare, la sovrana apprezzò così tanto la “pizza pomodoro e mozzarella” che ringraziò ed elogiò il pizzaiolo per iscritto. Fatto questo, l’unico modo per contraccambiare questo grande gesto da parte di Raffaele Esposito fu quello di dare alla sua creazione culinaria il nome della regina: “Pizza Margherita”….L’incredibile storia della pizza!

×